COLTIVATRICI DI CACAO A SCUOLA DI LEADERSHIP

Fairtrade International

La scuola di leadership femminile è un programma innovativo che migliorerà le opportunità delle donne nelle comunità che producono cacao in Costa d’Avorio. Guidato dalla rete di Fairtrade Africa, il progetto è stato lanciato ad Abengourou, il 12 maggio alla presenza delle studentesse, dei membri della comunità, dei rappresentanti di Fairtrade e delle nostre organizzazioni partner.

IL DIVARIO DI GENERE

Una ricerca condotta sul tema mostra che la maggior parte delle donne coltivatrici nei paesi in via di sviluppo, nonostante costituiscano quasi la metà della forza lavoro, è pagata meno degli uomini, spesso non è in grado di possedere la terra ed è esclusa dai prestiti aziendali o dalla formazione agricola usufruita dai contadini maschi. Eppure, la ricerca indica chiaramente che eliminare il divario contributivo fra i sessi ridurrebbe effettivamente la povertà.

Le 24 studentesse, attraverso un rigoroso programma di formazione, diventeranno un esempio e condivideranno ciò che apprenderanno nelle loro comunità e cooperative. Le donne provengono da sette cooperative di cacao Fairtrade in Costa D’Avorio, che rappresentano quasi 5.000 membri. Acquisiranno competenze in materia di finanza, negoziazione e di processo decisionale, nonché una maggiore consapevolezza della parità di genere.

COMPETENZE UTILI

Una delle partecipanti è Kouame Ehui Edith, madre single di un bambino, che ha lasciato la scuola secondaria prima della laurea. È membro della cooperativa SCAEK, un’organizzazione certificata Fairtrade a Koboti, a circa 200 km a nord di Abidjan. Spera di acquisire competenze utili alla sua attività: “La scuola femminile di leadership sarà una buona opportunità per noi donne per imparare”, ha detto. “Non vedo l’ora che questo programma cambi la mia vita”.

UN CATALIZZATORE PER IL CAMBIAMENTO

“Crediamo che la prima Scuola di Leadership delle donne di Fairtrade Africa possa essere un catalizzatore per il cambiamento, per l’aumento della presenza femminile nelle posizioni dirigenziali e nel contribuire a cambiare le norme sociali che costituiscono delle barriere in posizioni chiave per la partecipazione delle donne alle imprese”, spiega Tsitsi Choruma, Chief Operating Officer di Fairtrade Africa.

“Attualmente in Costa d’Avorio le donne rappresentano il 68 per cento della forza lavoro, ma solo il 25 per cento possiede terra propria”, conclude. Pertanto, poche hanno ruoli rilevanti nelle attività economiche, in grado di accedere alle entrate generate dal cacao o addirittura di avere dei conti bancari. Questo programma per noi è vitale, per iniziare a rimediare a un tale squilibrio nelle comunità agricole”.

 

Per saperne di più:
Il lavoro di Fairtrade nell’affrontare la disuguaglianza tra i sessi


Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta sul sito di
Fairtrade International. Traduzione e adattamento: Ufficio comunicazione Fairtrade Italia.

Foto di Nabil Zorkot.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+

Seguici

Newsletter

Per saperne di più



~